Il mio esercito bianco

This post is also available in: esEspañol (Spagnolo) enEnglish (Inglese)

¡Ciao a tutti guerrieri!

Oggi voglio presentarvi il mio esercito bianco: un gruppo di guerriere che ogni giorno lottano affinche’ noi piccoli che siamo ricoverati in ospedale possiamo migliorare la nostra condizione ed uscire il prima possibile.

Un giorno, una di queste coraggiose dame mi ha detto “Nina, desidero che tu possa andartene, non voglio vederti piu’ da queste parti… e mi mancherai”. Devo ammettere che sono rimasta un po’ confusa: ¿Come puo’ essere che voglia che me ne vada e che non torni… quando dice che le manchero’? L’ho pensato e mi sono resa conto che di fatto questa frase spiega bene il suo affetto per me. E io ho pensato lo stesso per gli altri bimbi compagni di viaggio in questo reparto di pediatría ed in quello al lato (oncología).

In questa foto potete vedere alcune delle guerriere: Sara, Reme, Aurora, Encarni, Pilar, Toñi, Maria. Ce ne sono altre ed altri ancora che non eran presenti il giorno della foto e che porto nel mio cuore con altre immagini; a tutte/i siamo riconoscenti dal profondo dell’anima per l’affetto, la pazienza e il crescere in questa malattia mano della mano con me. Dottori/ese, infermiere e ausiliari, terapeuti, personale delle pulizie e della cucina… la responsabile di gestire il mio caso/amministrativa ed una fisioterapeuta delle quali vi parlero’ piu’ avanti  🙂

Vorremmo ringraziare anche il dottor Maldonado ed anche il suo équipe; è un dottore bravo, una persona buona, insomma una combinazione mágica. Non solo sa’ parecchio ma anche spiega stupendamente tutto quel che sa’.. E’ paziente e capace di ascoltare. E viene siempre a trovarmi con altri giovanotti che vestono lo stesso camicie e che sembrano interessati a quel che mi succede. Grazie dottore.

Grazie anche al personale della salute che ogni giorno lavora motivato per migliorare la vita dei pazienti, e a tutti quelli che si sforzano per continuare a migliorare il sistema.

Un Abbraccio gigante a tutti.

www.ninalaguerrera.org/it

Rispondi